Web Tv Radio Periodici Newspaper Internet Agenzia Convegni
  
 Home Page
Chi siamo
Contatti
Mailing List
Investor Relation
Bilanci annuali
Comunicati stampa
Partnership
 I prodotti di Class Editori
Newspaper
Periodici
Class Digital System
Le TV di Class
GO TV
Radio
Editoria Elettronica
Inglese
 
  
Pubblicità
Maggiori informazioni
Abbonamenti
Maggiori informazioni
La casa editrice leader nell'informazione finanziaria, nel lifestyle, nella moda e nel lusso per l'upper class
 Ultime notizie a cura di MF-DowJonesNews 
Bitcoin: grandi banche Usa; no a future, occorrono stress test (milanofinanza.it)

di Elena Dal Maso MILANO (MF-DJ)--Il prezzo del Bitcoin ha toccato questa mattina 14.544 dollari contro i 12.507 usd di 24 ore fa, per una capitalizzazione di mercato di 247 mld usd (fonte Coindesk). Nel frattempo pero' e' arrivato arriva un grande warning. Le grandi banche Usa sono preoccupate e avvertono le autorita' di controllo che il sistema finanziario non e' preparato ad affrontare nell'immediato il lancio dei contratti future sulle criptovalute. La Futures Industry Association, che raggruppa i grandi broker fra cui Goldman Sachs, Jp Morgan Chase e Citigroup, ha messo nero su bianco i propri dubbi alla Cftc, Commodity Futures Trading Commission, si legge su milanofinanza.it. E' l'autorita' che la scorsa settimana ha autorizzato le Borse di Chicago, Cme Group e Cboe Global Markets a programmare nei prossimi 10 giorni il lancio dei nuovi future sulle criptovalute. Nella lettera e' scritto che ci sarebbe dovuta essere una maggiore discussione sui livelli di margini, i limiti sul trading, gli stress test e il clearing prima di dare il via libera ai nuovi contratti. E mentre si sta litigando sui futures, la Sec, dal canto suo, non ha ancora dato il via libera all'Eft su Bitcoin piu' volte richiesto dal 2013 dai fratelli Winklevoss. Tyler e Cameron Winklevoss, famosi per aver fatto causa a Mark Zukerberg accusandolo di aver rubato la loro idea, Harvard Connection, poi rinominata Facebook, hanno investito 11 milioni di dollari quattro anni fa dei 65 ottenuti in tribunale per comprare 100 mila bitcoin. Che oggi valgono oltre 1,5 miliardi di dollari. Ora lo scorso marzo la Sec, l'autorita' che controlla le borse statunitensi, aveva di nuovo rifiutato l'Ipo del veicolo dei gemelli Winklevoss. La proposta prevedeva di quotare l'Etf sul segmento Bats Bzx (controllato da Cboe Holdings) di New York, uno dei maggiori operatori del mercato azionario statunitense. Bats ha fatto ricorso alla Sec e da allora non si e' piu' saputo nulla. Bats sosteneva, nell'appello presentato alla Sec, che l'uso nel bitcoin di principi matematici avrebbe reso difficile la manipolazione, e dal momento che le transazioni sono pubblicate sulla Blockchain e gli aggiornamenti al protocollo sono relativamente trasparenti, i bitcoin inglobano un rischio di manipolazione piu' contenuto rispetto ai metalli preziosi che sono scambiati liberamente sui listini per le materie prime. Nel frattempo e' emerso che NiceHash, il marketplace per la creazione (mining) di critpovalute presente sul cloud, ha detto che gli hacker hanno violato i suoi sistemi e rubato una quantita' sconosciuta di bitcoin dal portafoglio virtuale. "Stiamo lavorando per verificare il numero preciso di bitcoin sottrattii", ha scritto oggi nella sulla sua pagina Facebook. NiceHash ha interrotto intanto le operazioni per 24 ore. Secondo Coindesk e' possibile che si tratti di un furto del valore di 60 milioni di dollari. E nelle scorse ore la borsa australiana, Asx Ltd, ha detto che iniziera' a usare la tecnologia blockchain, alla base degli scambi del bitcoin, per le transazioni sui titoli azionari. E' la prima volta che un'autorita' di borsa utilizza il nuovo sistema tecnologico. Che, secondo il Santander, puo' far risparmiare alle istituzioni finanziarie fino a 20 miliardi di dollari l'anno. red/alb (fine) MF-DJ NEWS 11:44 07 dic 2017

I siti Web di Class Editori
  Milano Finanza ItaliaOggi Class Life MFfashion.it MFIU Global Finance  
  ClassHorse.TV RadioClassica Fashion Summit Classpubblicita' Guide di Class  

2017 © Class Editori Spa. Tutti i diritti riservati.